Archivio

Archivio Maggio 2007

Prendere e lasciare

22 Maggio 2007 3 commenti


20 maggio 2007

? da L’Unità del 20 maggio 2007

di Furio Colombo

La grandezza della Chiesa sta in questo: fra qualche anno la piazzata sulla famiglia sarà come non fosse mai avvenuta. Chi insistesse con il ricordo di quel macigno buttato sul percorso cauto e civile di un governo eletto sarà redarguito come un disturbatore e pregato di smetterla. La Chiesa sarà passata avanti, impegnata di nuovo in grandi ideali come la povertà, la pace e il rispetto per le persone. Non so se esiste un anticlericalismo cronologico. Se esiste, eccomi qua.

Giovanni XXIII ha illuminato il mondo. Giovanni Paolo II lo ha guidato contro leader opportunisti e mediocri e non ha mai smesso di gridare pace. Non aveva le braccia aperte del Papa del Concilio Vaticano II, era severo con i credenti, chiaro anche nelle enunciazioni difficili da accettare. Mai avrebbe fatto politica dal palchetto dei comizi locali, per sottomettere un popolo e umiliare chi lo rappresenta al Parlamento e al governo.

Fatemi ricordare Paolo VI. Aveva visto i miei documentari sul Vietnam (specialmente quello dei bambini di Bien Hoa).

Di ritorno da uno dei viaggi in Vietnam, appena giunto all?aeroporto, mi hanno fatto sapere che desiderava un incontro. Era notte ma il Papa era in piedi, ansioso e attento. Voleva avere notizie dirette di una guerra che lo angosciava. Conosceva e rispettava il giornalista e sapeva benissimo che non parlava a un credente.

In quella Italia che spesso ricordiamo con sarcasmo, Ettore Bernabei, allora Direttore generale della Rai, dava il via libera ai miei ?TV 7? sulla guerra (veniva a vederli di persona) che i governi di allora ritenevano ?tendenziosi?. Era vero. Amando – come amavo e amo l?America – ero con l?America della pace contro la guerra nel Vietnam. I cattolici che avevano fatto quella scelta sostenevano, anche a costo di scontrarsi con i Buttiglione di allora, questa scelta senza domandarsi se e a quale organizzazione o partito o cultura fosse legato il giornalista a cui consentivano di parlare.

Del resto quasi dieci anni fa Giovanni Paolo Secondo mi ha fatto chiedere di aprire un convegno Vaticano sul cinema e mi è stato affidato il tema «Moralità e cinema». Intendeva dire con chiarezza che non sono richiesti diplomi di fede e prove di sottomissione per chiedere a un laico (certo erano stati considerati i miei libri, i miei articoli) per parlare di moralità. Ha ricordato le sue esperienze teatrali, mentre si appoggiava camminando già con fatica, e ascoltava una voce diversa rispetto ai suoi incontri quotidiani.

* * *

La grandezza della Chiesa cattolica, che attraversa stagioni diverse e cambia, supera, si apre, si connette o riconnette col mondo in modo sempre nuovo cancellerà – ne sono certo – in un?altra stagione, la giornata triste in cui padri e madri presentavano alle telecamere i loro sei-sette figli e ad alcuni di noi tornava l?amaro ricordo del sillabario fascista della scuola elementare. Nel disegno si vedeva il tavolo della cucina, che si chiamava desco, alle spalle c?era la madia ?dove la mamma conserva il pane che il padre ha tratto dai campi, con la pioggia, col sole, con la fatica?. I figli seduti al desco erano una decina. La didascalia diceva «il Signore vede e provvede». E la poesia della pagina, ricordo, era questa: «Cura i bambini/fila la lana/questa è la tipica donna italiana».

Giornata umiliante, dunque, di cui, per gentilezza e amicizia, pochi giornali stranieri hanno scritto. Quei pochi hanno intitolato: «La Chiesa cattolica mobilita i fedeli contro i gay, pacs, e unioni di fatto». Ma non più di venti righe per lo strano evento, un milione e mezzo ?in difesa della famiglia?, quando tutta la letteratura del mondo, saggistica e narrativa, che conosce il profondo distacco unicamente italiano dei cittadini dalle istituzioni, sa e ripete da due secoli che una sola forza, un solo nucleo sociale resiste in Italia. Resiste con tanto vigore da sacrificare regole, leggi, doveri a quell?unica istituzione che è appunto la famiglia.

È vero, l?evento è esclusivamente politico (e per questo imbarazza il travestimento religioso). È vero, l?evento è stato preceduto e seguito da dichiarazioni di una durezza aggressiva mai sentita prima, dichiarazioni gratuite e sgradevoli (la mite legge dei Dico accostata ad aborto, eutanasia e pedofilia). Queste autorevoli dichiarazioni hanno creato – salvo che per gli opportunisti che prontamente si adeguano con le loro compagne di secondo, terzo, quarto letto che indosseranno l?uniforme d?obbligo: bikini coraggioso e croce ben visibile fra i seni – un problema di serena convivenza fra credenti e non credenti, fra gay e non gay (ricordate il dirigente dell?Arcigay milanese massacrato di botte in una pizzeria da due forzuti credenti poche sere fa?) fra chi si vanta dei sette figli tipo esodo del Polesine inondato, e sul modello raccomandato dal mio sillabario fascista. Chi non può avere figli certo ricorda ancora che, prima dei Dico, un?altra legge civile, dignitosa e democratica, quella sulla procreazione assistita, è stata resa impossibile dalla stessa mobilitazione di una folla bene organizzata contro lo Stato (c?è al suo posto uno straccetto di legge che invita a correre all?estero).

* * *

Ci dicono: «Bisogna ascoltare la piazza». Strano. Quando la piazza, altrettanto gremita, nella mobilitazione spontanea dei girotondi, protestava contro leggi ignobili, attentati alla Costituzione, illegalità sistematica, nessuno la ascoltava. Se mai c?era irritazione, fastidio, un po? di disprezzo per chi si paga da solo il viaggio. Perché, chiedo a chi si prepara a fare il partito democratico, Nanni Moretti, che fa tutto da solo (in altri paesi si chiama ?responsabilità del cittadino?) viene liquidato come uno scherzo e Savino Pezzotta che – come un personaggio di Collodi arriva alla testa di mille affollate carrozze prepagate – è la voce di Dio?

Perché è nobile – fino al punto di doverla ?ascoltare? (vuol dire: zitti e fate quel che vi dicono) una piazza apertamente contro i diritti dei cittadini, mentre abbiamo disprezzato una piazza (meno esibizionista, certo, senza lo spettacolo dei padri pluri-procreatori esibiti in primo piano in televisione, con moglie stremata un passo indietro) che si era autoconvocata per la difesa della Costituzione, per condannare leggi ad personam senza alcuna riscossione dell?otto per mille ma solo per i diritti di tutti?

La risposta è semplice. Sono più forti loro. Non sto parlando di padri e madri con tutti quei figli spinti all?esibizione ma senza che nessuno abbia proposto qualcosa di concreto per loro. No, riconosciamolo, è più forte la Chiesa, nella stagione di guerra che ha deciso di sferrare all?Italia.

Passerà, mi sono sentito di predire. La Chiesa tornerà alla carità, al sostegno di poveri e dei deboli, al rispetto di ciascuna persona, anche non battezzata. E al rapporto di attenzione incoraggiante e amichevole verso la scienza. Anzi farà (lo ha già fatto altre volte in passato) inimmaginabili passi avanti, partecipando alla ricerca comune di nuove strade per un mondo che sta morendo.

Tornerà. Fra quante vite? Intanto siamo qui e guardiamo in faccia la realtà.

* * *

Ma perché ne parlo oggi, mentre le notizie sono ben altre? Le notizie sono che è stato firmato un patto per la sicurezza fra la Repubblica Italiana e la signora Moratti, solo perché la signora Moratti ha visto in tempo la famosa ?piazza da ascoltare?. Ha fatto scendere in strada sei-settemila militanti di Lega e Forza Italia e il gioco è fatto. Si ascolta la piazza e si decide che la sicurezza viene quando lo decide Moratti. Eppure tutti avevano detto che i reati, nella città della Moratti, sono in diminuzione, che Milano è una delle città più sicure in Europa. Ma adesso siamo chiamati a credere, attraverso la voce di due piazze organizzate, che non solo la famiglia è in pericolo, ma anche Milano.

La Moratti però è molto attiva. Ha inventato il ?kit della droga? che vuol dire: compri l?arnese in farmacia e – come prova di amicizia, sostegno e fiducia per il tuo teenager – irrompi nella sua stanza, brandisci la confezione e gli annunci la ?prova Pantani?. C?è qualche genitore che ha – o ha avuto – figli teenager, che non rabbrividisca di fronte a questa trovata? C?è. Livia Turco, mamma e ministro della Sanità ha detto, con stupore di chi la segue e la stima, un suo sì così precipitoso che ancora non si sa se sarà il ministero della Salute a somministrare direttamente il ?kit? ai ragazzi a scuola. Fioroni, che non solo ascolta le piazze ma le guida contro le leggi proposte dal governo di cui è ministro, certamente ci sta. Nasce una nuova ?arancia meccanica? in cui ci pensa il ministero a renderti buono per sempre.

* * *

Cos?altro succede? Succede che il testamento biologico con cui un cittadino dispone, finché è sano, il limite che vuole dare alle cure estreme per essere tenuto in vita, sta saltando perché i cardinali sentono puzza di eutanasia. In un Paese in cui non si ha notizia di proteste e dissensi dei credenti per il corpo di Welby, a cui è stata vietata una benedizione in Chiesa, colpevole di avere troppo sofferto, il fiuto dei cardinali è sovrano. Notate l?evento per non dimenticare l?inizio (il lucido, rispettoso, bene organizzato lavoro del medico cattolico Marino, che presiede la commissione Sanità al Senato) quando si arriverà alla fine. Cioè niente. Cos?altro è in pericolo? Sono in pericolo, o meglio a fine corsa, i Dico, naturalmente, legge modesta ma decente, tessuta con pazienza dai ministri Pollastrini e Bindi, limata al punto da evitare che si parli di ?reversibilità della pensione? nelle coppie di fatto, perché non si parli di una imitazione della ?vera famiglia?.

Adesso i Dico stanno uscendo di scena. Lo ha detto Fassino a «Radio Anch?io», con sorpresa di tanti che per giunta sono in mezzo al guado, non più Ds e non ancora partito democratico. Ha detto: «Questa è una mano tesa a pazza San Giovanni. Savino Pezzotta dice di no ai Dico e vuole modifiche del Codice Civile. Parliamone». Parliamone. Fassino, su l?Unità di sabato, ha precisato: «Voglio salvare la sostanza dei Dico». Fa piacere sentirglielo dire.

Ma Pezzotta, portavoce di una immensa potenza che occupa l?Italia, non vuole i Dico perché non vuole diritti: vita, morte, accoppiamento consentito e procreazione spettano a questa Chiesa da combattimento e nessuno deve metterci le mani. Perciò, dopo avere ucciso i Dico, che almeno erano un simbolo e un riferimento, si uccideranno a una a una le modifiche, anche le più timide e modeste, del Codice Civile, come in una battaglia di Orazi e Curiazi.

Sarebbe stato più bello, io credo, presentarsi al Paese (cioè agli elettori) e dire umilmente: «Avevamo fatto una buona legge, ma non possiamo approvarla. Non abbiamo più i voti. Li ha bloccati il Vaticano che, per il momento domina la scena avevando deciso di governare – con la sua forza notevole – solo in Italia, visto che gli altri Paesi cattolici non stanno al gioco.

La Chiesa del mondo, insediata a Roma e impegnata nel rapido recupero del potere temporale in Italia, aveva detto «prendere, o lasciare», prefigurando la resistenza di un Parlamento e un governo orgogliosi che, pur di fronte a una immensa pressione, continuano a legiferare e a governare. Non è stato così. La parola d?ordine, adesso, sembra essere «prendere e lasciare». Si afferma un buon proposito, se ne fa una buona legge e appena i cardinali dicono no, tanto per stabilire chi comanda, si abbandona il progetto. C?è già un mucchietto di detriti ai piedi dei monsignori. Fra poco – è un fatto umano, succede così se cedi sempre – alzeranno il tiro. Vorranno molto di più.

Riferimenti: Radicali.it

Categorie:Senza categoria Tag: ,

Lettera aperta a Monsignor Bagnasco

1 Maggio 2007 1 commento


Carissimo Monsignore,
innanzitutto come persona, cittadino italiano e cristiano mi sento molto vicino a Lei in questi momenti di indubbio sgomento. Tuttavia non vorrei che questo episodio drammatico, che ha visto Lei al centro di un disegno criminale di un pazzo, di un gruppo, di un?organizzazione (spero riusciremo a sapere presto la verità) faccia venir meno la lotta politica che è in atto e che vede la Chiesa ed in particolar modo la Cei ed il suo presidente, come attrice che ha scatenato questo tipo di lotta.
Spero che Lei non si faccia intimidire da quelle pallottole come io non mi traterrò, in tutte le sedi, ad intensificare la lotta di libertà e di laicità che questo Paese ha bisogno.
Il mio primo atto da cristiano e quindi da anticlericale, è quello di celebrare le mie nozze in Chiesa il prossimo 5 maggio. Chiesa ormai occupata da un manipolo di farisei, di plutocrati, atei ed anticristiani che hanno solo obiettivi di potere e che non sanno cos?è, anzi spesso osteggiano, la carità cristiana.
Inoltre vorrei trovare la strada per una democratizzazione vera della Chiesa, perchè sarebbe molto più giusto e corretto dare la possibilità ad ogni singolo fedele di poter destiutire qualsiasi Papa, vescovo, che non è in linea, nei comportamenti, con i valori di carità cristiana e di umiltà.
Di nuovo con affetto.

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,