Archivio

Archivio Novembre 2003

AUSTRALIA: GOVERNO AUTORIZZA CANNABIS TERAPEUTICA

5 Novembre 2003 7 commenti


Nello stato australiano del Nuovo Galles del Sud, dall’anno prossimo sara’ possibile ai malati curarsi con la cannabis.

Secondo quanto dichiarato da Trish Worth, Segretario Parlamentare Federale alla Sanita’, il piano – che ha avuto la approvazione del governo federale – prevede sia la somministrazione all’interno di sperimentazioni cliniche controllate che la distribuzione “per uso compassionevole” . Questa sara’ limitata a pazienti
gravi: persone con AIDS, cancro, sclerosi multipla.

Il governo del Nuovo Galles del Sud prevede di creare, all’interno del proprio Ministero della Sanita’, un Ufficio per la Cannabis Medica. Per partecipare al programma, i pazienti dovranno presentare un certificato medico attestante che le cure convenzionali hanno dato risultati insoddisfacenti.

La signora Trish Worth ha confermato che il governo federale appoggia il piano, purche’ sia conforme ai corretti criteri medici e rispetti gli accordi internazionali sui narcotici. “Qualunque ricerca clinica – ha detto – deve rispettare i requisiti stabiliti dalla TGA (Therapeutics Goods Administration) per l’esecuzione di tali ricerche in Australia”.

Fonte: The Australian 28/9/2003

Riferimenti: Dalla Newletter di ACT- http://medicalcannabis.it

Categorie:Senza categoria Tag: , , , ,

Cannabis e pragmatismo

5 Novembre 2003 120 commenti


La coltivazione e l’utilizzo della canapa (pianta dalla quale derivano sostanze quali lhascisc e la marijuana) ha inizio intorno al 6000 a.c. ad opera della vecchia civiltà cinese.
Attraverso i millenni fino al giorno doggi notevoli sono i documenti che attestano le proprietà curative di questa pianta. Anche nella Bibbia viene riportato Dio fa crescere nei campi erbe con il potere di guarire, che un uomo saggio deve saper usare (Ecclesiastico, 38, 4), eppure ai nostri giorni sempre più esiste un atteggiamento ideologicamente demonizzante nei confronti della canapa che non ha base né scientifica né semplicemente empirica.
Nei fatti le proprietà della cannabis sono molteplici:
· aiuta a combattere la nausea, il senso di vomito e linappetenza nei malati di cancro sottoposti a chemio e radioterapia;
· riduce sensibilmente la pressione oculare nei malati di glaucoma e quindi li aiuta a vederci meglio;
· riduce gli spasmi ed i tremori nei malati di sclerosi multipla, distrofia muscolare e armiotrofica, contribuendo al miglioramento del coordinamento neuromuscolare di questi pazienti;
· ha inoltre proprietà anticonvulsionanti utili per diminuire le frequenze degli attacchi epilettici.
In generale la marijuana aiuta a gestire le situazioni di forte malessere delle persone.
Nonostante questo quadro quasi idilliaco, continua ad esserci un atteggiamento draconiano nei confronti dellutilizzo terapeutico dei derivati della canapa, almeno in Italia.
Allestero diverse sono le esperienze in senso contrario, anche e soprattutto nei paesi che invece hanno un atteggiamento estremamente proibizionista nei confronti di un utilizzo ai fini ludici.
In Olanda è già prevista, dietro prescrizione medica, la vendita della cannabis nelle farmacie, provvedimento adottato dallattuale governo di centro destra, Analogo provvedimento si sta prendendo in Gran Bretagna. Il Canada ha già destinato ampi terreni per la coltivazione di canapa destinata alla cura dei malati che ne hanno bisogno; in Israele, Irlanda e Spagna sono partite le sperimentazioni cliniche; in ben otto stati degli Usa la marijuana terapeutica è legale e lo stesso neo-eletto governatore della California Arnold Schwarzenegger si è detto favorevole.
In Italia cè da una parte il ministro Sirchia e la sua christian coalition che sostiene che la marijuana è una droga e quindi non ci possono essere utilizzi neanche per fini terapeutici, dallaltra i radicali e la maggioranza dei cittadini che sostiene che ci sono altre droghe già utilizzati nella farmacopea mondiale (oppiacei in primis) e che bisogna discernere fra lo scopo terapeutico e quello prettamente ricreativo. Infatti anche se i radicali sono sempre più in prima fila per la legalizzazione di tutte le droghe qualunque ne sia lutilizzo, le problematiche e le complessità sono differenti a secondo dello scopo a cui le sostanze sono destinate.
Per questo motivo, grazie al radicale medico Yasha Reibmann, il consiglio regionale della Lombardia ha votato una mozione con la quale invitava il Governo centrale ad adottare i provvedimenti necessari per legalizzare luso terapeutico dei derivati della cannabis e per destinare risorse finanziarie congrue per continuare la ricerca scientifica su queste sostanze. Era il 30 aprile 2003. Successivamente allapprovazione di questa mozione, si è scatenato per qualche settimana un acceso dibattito che ha portato altre regioni ad approvare la stessa mozione. Il 22 maggio dello stesso anno è stata approvato lo stesso testo anche dalla Regione Basilicata grazie al fondamentale apporto militante di Maurizio Bolognetti, Segretario della Associazione Radicali Lucani. Mozioni analoghe sono state approvate in seguito dai comuni lucani di Melfi, Latronico, Tramutola e Moliterno.
La battaglia è appena iniziata, noi radicali siamo in prima fila e dalla nostra parte ci sono i malati, i loro familiari, gli scienziati e buona parte dei cittadini. Tu da che parte stai?

Categorie:Senza categoria Tag: ,